Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

HOME arrow Piano Inferiore arrow Piano Inferiore arrow Biblioteca Vanni Scheiwiller
     
PIANO INFERIORE
   
     
piano terra piantina musma
                                                                                     
Il piano inferiore
Piano superiore 
Cortile 1
piano superiore bn
Sale della caccia
Biblioteca Vanni Scheiwiller  
Ipogeo 1
Ipogeo 2
Ipogeo 3
Cortile 2
Ipogeo 4
Ipogeo 5
Sala della grafica
Sala della ceramica
Cortile 3
Ipogeo 6
Ipogeo 7
 
BIBLIOTECA VANNI SCHEIWILLER
01. biblioteca
La Biblioteca “Vanni Scheiwiller”, con i suoi oltre 5000 volumi, è una specifica area di studio, consultazione, documentazione e ricerca che offre a un pubblico di studenti, curatori, giornalisti, critici, artisti, ecc. utili strumenti di apprendimento e approfondimento dei temi relativi all’arte contemporanea.
La maggior parte del patrimonio librario, composto da cataloghi, monografie, libri d’artista, opere di poesia, narrativa e saggistica, proviene dalla donazione di Alina Kalczyńska Scheiwiller, vedova dell’ editore milanese Vanni Scheiwiller.

02. biblioteca
A questi si sono aggiunte, nel corso degli anni, le donazioni dei vari artisti o delle loro famiglie (Paolo Franci, Vincenzo Cerami e Graziella Chiarcossi, Giovanni Ferri, Fabrizio D’Amico), della Fondazione Zètema e di numerosi artisti nazionali ed internazionali.
Intitolando la biblioteca a Vanni Scheiwiller si è voluto rendere un giusto omaggio a un geniale uomo di cultura, intenditore e appassionato d’arte, grande amico di Matera e tenace sostenitore delle “Grandi Mostre nei Sassi”. 

03. biblioteca
Alla Biblioteca, si affianca una Videoteca, costantemente aggiornata, ricca di documentari su singoli artisti e movimenti, cortometraggi, film, da Anton Giulio Bragaglia alla più stretta contemporaneità, e una Fototeca che conserva le immagini che i fotografi hanno destinato alla scultura e agli scultori (Henri Cartier Bresson, Ugo Mulas, Mario Cresci, Isa Crescenzi, Mario Carbone, Giulia Niccolai, Lorenzo Cappellini, Giuseppe Pino, Roberto Masotti, Ellen Russotto, Giorgio Colombo, Agnese De Donato, Sergio Pucci, ecc.). 
Nella Biblioteca sono anche esposte, a rotazione, piccole sculture, disegni, opere grafiche, libri d’artista, cari a Schewiller, di: Bruno Munari (Milano 1907 - 1988), Antonio Paradiso (Santeramo in colle, BA, 1936), Susumu Shingu (Osaka, J, 1937), Marcello Mascherini (Udine 1906 - Padova 1983), Kengiro Azuma (Yamagata, J, 1926), Gianluigi Giovanola (Milano 1923), Filippo De Pisis (Ferrara 1896 - Milano 1956), Giulia Napoleone (Pescara 1936), Costantino Nivola (Orani, NU, 1911 - Long Island,USA, 1988), Alina Kalczynska (Mszana - Dolna, PL,1936), Daniele Papuli (Maglie, LE, 1971), Gianni Dessì (Roma 1955), Carlo Guarienti (Treviso1923), Bruno Chersicla (Trieste 1937), Bertrand Dorny (Parigi, FR, 1931), Alberto Gianquinto (Venezia 1929 - Jesolo, VE, 2003), Joel Fisher (Salem, USA, 1947), Amelio Roccamonte (Buenos Aires, BR, 1927- Roma 1980), Fuke (Kagawa, J, 1929), Salvatore Cuschera (Scarlino, GR, 1958), Antonietta Raphaël (Kovno, LT, 1895 - Roma, 1975), Giancarlo Marchese (Parma 1935), Lino Tinè (Floridia, SR, 1932), Franca Ghitti (Erbanno, Val Camonica, 1932 - 2012), Edo Janich (Valvasone, PN, 1943), Lorenzo Pepe (Cassano delle Murge, BA, 1912 - Milano 1984), Jerzy Panek (Tarnowie, PL, 1918 - Cracovia, PL, 2001), Luigi Teodosi (Jesi, AN, 1935), Amerigo Tot (Fehérvárcsurgó, H, 1909 - Roma 1984 ), Antonino Virduzzo (New York, USA, 1926 - Roma 1982), Jorio Vivarelli (Fognano, PT, 1922 - Pistoia 2008), Raffaele Spizzico (Bari 1912 - 2003), Umberto Peschi (Macerata 1912 - 1992), Nino Ricci (Macerata 1930), Maria Lai (Ulassai, NU, 1919 - Cardedu, OG, 2013), Franco Garelli (Diano d’Alba, CN, 1909 - Torino 1973), Alexander Calder (Lawnton, Pennsylvania, USA, 1898 - New York, USA, 1976), Filippo De Pisis (Ferrara 1896 - Milano 1956).
04. biblioteca 05. biblioteca
06. biblioteca  La Biblioteca ospita, inoltre, insieme alle “Sale della Caccia”, le mostre temporanee. Attraverso immagini, fotografie, documenti storici esposti sul tavolo e nelle bacheche è possibile conoscere e approfondire la vita dei singoli artisti di volta in volta protagonisti delle esposizioni.
 Notizie su Vanni Scheiwiller
vanni scheiwiller nel 1986
Nasce a Milano l’8 febbraio 1934, nipote per parte di madre dello scultore Adolfo Wildt. Suo padre Giovanni Scheiwiller, di origini svizzere, era stato a lungo direttore della Libreria Hoepli e aveva dato inizio nel 1925 a un’attività privata di editore d’arte e letteratura (“All’Insegna del Pesce d’Oro”). Vanni gli subentra nel 1951, proseguendone con passione l’attività editoriale. In quarantotto anni, dal 1951 al 1999, pubblica quasi tremila titoli. La sua attività si è sempre distinta nel panorama editoriale italiano per indipendenza culturale e autonomia di giudizio, ispirata unicamente alla qualità del prodotto e al valore letterario dell’opera. Dal 1969 al 1978 scrive di arte su “Panorama”, “Il Settimanale”, “L’Europeo” e, saltuariamente, su “Il Giornale” di Indro Montanelli. Dal 1984 al settembre 1999 collabora al supplemento culturale de “Il Sole 24 Ore”. Nel 1977 fonda la “Libri Scheiwiller”. Si spegne improvvisamente a Milano nella notte del 17 ottobre 1999.
 
 Consulta l'elenco dei libri 

 



 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates