Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

HOME

LE SCULTURE NELLA SCULTURA: ARTE CONTEMPORANEA NELLE ANTICHE DIMORE

Il complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci (2) Percorrendo la strada principale che collega i due rioni Sassi si scorge un singolare complesso monastico rupestre che mostra i segni dell’antica arte dei maestri litotomi. I siti, preziosi esempi di architettura scavata nella roccia, mostrano l’opera di scavo che ha permesso al suo interno la realizzazione di elementi tipici dell’architettura costruita: colonne, capitelli, volte e decorazioni di vari stili. Il complesso, risalente ai secoli tra l’VIII e l’XI, comprende due delle più significative chiese rupestri tra le 155 scoperte nel territorio materano. Nel 1213, si attesta al suo interno la presenza di monaci Benedettini e tra il 1230 e il 1233, vi trovano alloggio le monache agostiniane di Accon, inviate a Matera per rinfocolare la fede cristiana. Nel corso del Medioevo, le due chiese hanno subìto continue trasformazioni, necessarie ad accogliere un numero sempre crescente di fedeli. Dall’interno della chiesa della Madonna delle Virtù, attraverso una gradinata esterna, si raggiunge la chiesa di San Nicola dei Greci (VIII sec.) che ha una impostazione architettonica di tipo orientale con iconostasi e ambone ricavato direttamente nell’aula. La presenza di affreschi che coprono un arco di tempo compreso tra il XII e il XVI sec., ci rivela l’avvicendarsi delle comunità religiose nei secoli. Dal 1987 le due chiese rupestri ed il monastero ospitano Le Grandi Mostre nei Sassi, dedicate ogni anno a grandi scultori contemporanei (Consagra, Martini, Melotti, Fazzini, Cascella, Viani ecc.). Il suggestivo binomio tra la creatività dell’uomo contemporaneo e la spiritualità emanata da questi luoghi scolpiti da devoti mastri locali stupisce i visitatori che giungono da ogni parte del mondo. Nelle antiche stanze di Palazzo Pomarici, sede del “MUSMA” (3) Dalle Grandi Mostre nei Sassi è nato nel 2006 uno spazio espositivo permanente: il MUSMA, Museo della Scultura Contemporanea – Matera, inserito nella suggestiva cornice del seicentesco Palazzo Pomarici. Un museo unico per la perfetta simbiosi tra le sculture ed alcuni tra i più caratteristici luoghi scolpiti nel cuore dei Sassi: gli spazi museali, infatti, coprono non solo le aree edificate del palazzo, ma anche i vasti ipogei scavati, dove le opere d’arte esposte vengono rigenerate dalla suggestione e dalla forza degli ambienti rupestri. Palazzo Pomarici, con una superficie di 1500 mq, ancora oggi è definito dall’immaginario collettivo “Il Palazzo delle Cento Stanze”. Dalla corte principale si accede a sette ampie grotte modellate nella roccia. Alcune sale del piano inferiore offrono raffinate pitture murali recentemente restaurate tra cui sono leggibili ritratti, decorazioni, scene bucoliche e di caccia. Attraverso la signorile gradinata di pietra si giunge al salone delle feste e ai numerosi appartamenti del piano nobile. La collezione del MUSMA comprende più di 350 opere in bronzo, marmo, ferro, terracotta, gesso, legno, cartapesta, disegni ed incisioni datate dalla fine dell’800 ai giorni nostri: un patrimonio di sculture proveniente da donazioni delle famiglie degli artisti, collezionisti privati, critici d’arte, gallerie nazionali ed internazionali e dal Circolo Culturale La Scaletta che dal 1978 promuove Le Grandi Mostre nei Sassi di Matera. La Biblioteca Scheiwiller, infine, raccoglie una ricca collezione di monografie, cataloghi e libri d’arte donati dalla moglie del noto editore Milanese.

 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates