Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

HOME
     
PIANO INFERIORE
   
     
piano terra piantina musma
                                                                                     
Il piano inferiore
Piano superiore 
Cortile 1
piano superiore bn
Sale della caccia
Biblioteca Vanni Scheiwiller  
Ipogeo 1
Ipogeo 2
Ipogeo 3
Cortile 2
Ipogeo 4
Ipogeo 5
Sala della grafica
Sala della ceramica
Cortile 3
Ipogeo 6
Ipogeo 7
 
IPOGEO 3
ipogeo 3_uscita
Nel terzo ipogeo si manifesta in tutto il suo splendore la perfetta simbiosi tra contenitore e contenuto, tra un sito denso di millenaria memoria e le forme della scultura contemporanea, tra ciò che è stato ricavato scavando nel tufo e ciò che è stato realizzato dagli artisti d’oggi esaltando le qualità intrinseche delle materie, tufo compreso.
Le due colonne e la natura morta in legno sono di Tito Amodei (Colli al Volturno, IS, 1926). Riemerse dagli abissi della memoria, lentamente sottratte alla semplicità figurativa, vengono ricomposte con plastica musicalità in leggere geometrie di forme librate nell’aria, in uno spazio magico da cui attingono la presenza sacra che le sostiene e rimanda ad alcune tradizioni popolari del Sud nella Domenica delle Palme. 
ipogeo 3_fronte ingresso
Le tre immagini fantastiche che dialogano con le opere di Tito sono di Maria Lai (Ulassai, NU, 1919 - Cardedu, OG, 2013). I pani, i lavori cuciti, i telai (strumento sardo per eccellenza) nascono dalla rielaborazione di fiabe, leggende e rituali della propria terra, scaturiscono dalla reinterpretazione di gesti ancestrali degli antichi mestieri: l’instancabile correre avanti e indietro dell’ago-telaio sul tessuto, dell’aratro sul campo, della penna sul foglio, tragitti dove non si distingue la partenza dal ritorno. Nella scultura Sa domo de su dolo - La casa del dolore, 2002, è rappresentato il pane che lievita insieme al dolore e alle lagrime. La Torre, 1971-2002, costruita con tutto ciò che resta di un telaio, è una struttura sospesa tra la terra e il cielo, un osservatorio verso nuovi universi possibili. 
ipogeo 3_laterale
A questo dialogo assiste la scultura di Nino Rollo (Lecce, LE, 1942 - Parigi, F, 1992), che sembra rompere drasticamente con il passato e subito si contraddice con la scelta del calcare nero calabrese, un modo per affondare le radici nella terra ripercorrendo in lungo e in largo la forma tesa in un abbraccio conoscitivo senza confini. Proseguendo lungo l’ipogeo, su un settecentesco palmento, possiamo ammirare l’estro, la libertà espressiva, l’inconfondibile talento di Sebastian Matta (Santiago del Cile, 1911 - Tarquinia, VT, 2002), fondamentale protagonista dell’arte del ‘900. Le forme, i colori, le decorazioni di Innaffiare il linguaggio e L’origine è adesso illuminano questi luoghi con un guizzo surreale e altamente poetico.  
ipogeo 3_almango giuliani All’interno dell’ipogeo, un’altra serie di opere ci dà un’idea precisa di ciò che è una costante della scultura contemporanea: l’attenzione particolare ai materiali, alla loro capacità di suggerire la forma, di essere usati con intenti prevalentemente strumentali o di diventare vero e proprio mezzo di dialoghi muti. Nel travertino, materiale tipico del paese d’origine di Giuliano Giuliani (Ascoli Piceno 1954), è stata scavata, ai limiti della rottura, una vasca. Il massiccio marmo viene trasformato in una sottilissima lamina dalle forme squadrate. È una sorta di escavazione personale, di tormentata ricerca del grado zero della materia che viene ferita e risanata, raffigurando soltanto trasparenze, veli, fantasmi, feritoie di luce e anfratti profondissimi d’ombra in cui conservare un’idea antica di scultura. 
ipogeo 3_fronte
Un’idea già messa in risalto da Gastone Novelli (Vienna, A, 1925 - Milano1968) nella grande e nella piccola Montagna dove un evidente interesse per il new dada prima e per la Grecia poi porta a indagare il magma terrestre e le forme che ne derivano, germinate naturalmente con il loro carico di segni e figure primordiali.
L’operazione concettuale che Bianca Nappi (S. Domenico Talao, CS, 1947) fa sul calcedonio è quella di lavorare sulla “casuale perfezione” delle forme e dei colori naturali estraendo, attraverso un sapiente uso di pigmenti ed elementi chimici, l’intima spiritualità della materia.. 
E l’atmosfera ascetica di questi luoghi si fonde perfettamente con l’opera di Eliseo Mattiacci (Cagli, PU, 1940), riconosciuto protagonista, insieme a Pascali, del rinnovamento della scultura italiana tra la fine degli anni ‘50 e gli inizi degli anni ‘60. L’arte di Mattiacci è di ispirazione astronomica, siderale, le sue opere appaiono come antenne che aspirano a captare l’energia del cosmo inseguendo l’orbita dei pianeti. 
terzoipogeo-3
La volontà di sconfiggere la forza di gravità è il sentimento primigenio che appartiene, anche, ad uno scultore come Roberto Almagno (Aquino, FR, 1954). Il legno è il suo materiale preferito: lo lavora, lo piega, lo colora come fosse ferro. Le sue sculture nascono nei boschi dove raccoglie tralci e pezzi di legno, ne elimina la superficie esterna e li forgia con il fuoco e con l’acqua, tanto da tramutare la materia in entità priva di peso che lascia nella coscienza solo un’eco irriconoscibile della sua iniziale presenza terrena. Terra, acqua e fuoco si incontrano anche nei bassorilievi, in terra bianca e rossa, o nelle piastre in ottone di Enrico Pulsoni (Avezzano, AQ, 1956), collocati sul fondo o che fuoriescono da un’antica cisterna. 
ipogeo 3_novelli
ipogeo 3_pulsoni
 
 

 

 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates