Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

Carlo Ramous
Milano 1926 - 2003
carlo ramous, di fronte alla luna, 1968_musma

Di fronte alla luna, 1968
bronzo, cm 44,5 x 75 x 12
Donazione R. Liedl, Basiglio (MI)

 

carlo ramous_musma
Carlo Ramous nasce a Milano nel 1926. Scultore e Pittore, studia all’Accademia di Brera con Marino Marini. Nel 1946 espone le sue prime opere. Nel 1951 vince il premio Diomira, il premio Mattioli, il premio Oggioni dell’Accademia di Brera; nel 1954 partecipa alla Triennale di Milano; nel 1955 partecipa alla Quadriennale di Roma e vince il Premio Brusadelli. Nel 1956 lo vede impegnato nell’esecuzione della facciata della Chiesa Santa Marcellina a Milano. Da allora il suo nome e’ presente circa 300 volte in tutto il mondo con mostre personali e nelle grandi rassegne internazionali: alla Biennale di Venezia nel 1958, 1962, 1972; alla Biennale di S.Paolo del Brasile nel 1961; alla Quadriennale di Roma nel 1955, 1959,1973; e da Parigi a Tokio, da Roma a Londra, da Oslo a Milano, da New York da Anversa, da Alessandria d’Egitto a Teheran, da Città del Messico a Budapest, all’Aquila, a Zurigo, a Colonia, a Norimberga, da Berlino a Sidney, all’Aia, a Copenhagen, a Lisbona, a Dusseldorf a Los Angeles, a Lagos, ecc. 
È dai primi anni sessanta che la maggiore critica italiana e internazionale riconosce in Ramous uno tra gli scultori più originali e coerenti della prima generazione affermatasi dopo il 1945. La volontà e la capacità dello scultore di mettere a raffronto forma e spazio rendono ogni scultura, pure se forma immobile, pulsante di vita nella dimensione fantastica. Dopo i primi anni Sessanta le sculture di Ramous cambiano, pur rimanendo sempre “massicce”, acquisiscono tagli nuovi, spigoli vivi, protese in verticalità sanno trasmettere tensioni ed emozioni. Del suo lavoro si è occupata la critica più attenta, Trier, Dorfles, Russoli, Gassiot-Talabat, Valsecchi, Elgar, Caramel, Ashbery, Ballo, Leveque, Carandente, Alvard, De Micheli, Welcher, Crispolti, Coulan, Natali, Guardoni, Bettolini, sono solo alcuni. Oltre alle innumerevoli esposizioni collettive e di gruppo, ha eseguito numerosi grandi lavori per l’architettura, tra questi: la chiesa di Santa Marcellina a Milano; la chiesa di Don bosco a Milano; l’Imprimerie Cino del duca a Blois (Francia); la grande scultura in P.za Conciliazione a Milano; la scultura posta di fronte alla scuola di Viale Marche a Milano; il monumento ai patrioti dell’Isola a Milano; e numerose sculture per le scuole in Italia e negli ospedali di Pordenone e Como; il monumento ai caduti per la Libertà a Milano, in piazza Miani; la grande scultura e Chuo Park Chiba City, Japan. Carlo Ramous muore a Milano il 16 novembre del 2003.  
Segui l'artista su: Sito internet di Carlo Ramous  facebook
< Artisti e Opere
 
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates