Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

Medardo Rosso
Torino 1858 – Milano 1928
medardo rosso, il birichino_musma

Il birichino, 1883
bronzo, cm 31,5 x 19,5 x 24,5
Donazione A. Kalczyńska Scheiwiller, Milano

 

medardo rosso_musma
Medardo Rosso nasce a Torino il 21 giugno 1858. Si trasferisce a Milano con la famiglia nel 1870, dove dal 1875 al 1879 frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera. I suoi primi lavori tendono alla «ricerca del vero» come adesione al dato ottico, comprensiva delle qualità psicologico-caratteriali del ritratto, e si connotano subito per la scelta di temi contemporanei: emarginati, la gente comune, la vita moderna Riprende gli studi nel 1882 dopo il servizio militare, partecipa all'Esposizione di Belle Arti e l'anno seguente viene espulso dall'Accademia per le sue proteste contro i metodi d’insegnamento. In questi primi anni risente dell'influenza della Scapigliatura milanese e di Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni, ma soprattutto di Giuseppe Grandi. Nel 1883 partecipa all'Esposizione Internazionale di Belle Arti a Roma e nel 1885 al Salon des Champs Elysées a Parigi. Nello stesso anno sposa Giuditta Pozzi. Nel 1886 presenta alcune opere al Salon des Indépendants, e l'anno seguente partecipa all'Esposizione Nazionale Artistica a Venezia. Nel 1888 espone, invece, a Londra. Nel 1889 divorzia e si trasferisce a Parigi, dove rimarrà per ben 26 anni. Si unisce ai postimpressionisti, incontra lo scrittore Emile Zola e il collezionista Henri Rouart, e inizia una duratura amicizia con lo scultore Auguste Rodin. Nel 1896 espone con i Preraffaeliti alle Goupil Galleries, Londra.
Nel 1900, in occasione dell'Exposition Universelle conosce Etha Fles, che diverrà sua sostenitrice e lo aiuterà anche nella promozione della sua opera. Negli anni seguenti espone a Berline e a Lipsia (1902), alla Secessione di Vienna (1903), al Salon d’Automne di Parigi (1904), e a Londra (1906). Ottiene inoltre il favore della critica, con Julius Meier-Graefe e Ardengo Soffici, e grazie all'incoraggiamento soprattutto di quest'ultimo ha modo di essere ammesso all'internazionale di Belli Arti (1911), a Roma, e alla Biennale di Venezia (1914). Terminata la Grande guerra, ottiene invece il supporto di Margherita Sarfatti, che lo invita a partecipare alla "Prima mostra del Novecento italiano", a Milano (1926). Nello stesso anno la sua opera, tenuta in grande considerazione dai futuristi, è esposta a New York. Rosso muore il 31 marzo 1928 a Milano.
Rosso affermava che «Niente è materiale nello spazio... noi non siamo che scherzi di luce»: le sue immagini hanno il fascino di improvvise e fuggevoli apparizioni dal delicatissimo e sensibile modellato le cui superfici palpitano lievemente come intrise d'aria oppure lasciate allo stato di abbozzo (anche se abbozzi non sono, tanta era la cura con cui lo scultore ne studiava gli effetti) si rivelano soltanto da determinati punti di vista e in particolari condizioni di illuminazione. Affermò inoltre 
«quello che importa in arte è far dimenticare la materia», e infatti questo scopo è raggiunto nelle sue opere spesso modellate in cera, una materia così tenera e traslucida che si presta a fermare anche l'impressione più fuggevole come i capolavori Bimbo malato.
Segui l'artista su: Sito internet del Museo Medardo Rosso
Contributi video:
Rai Scuola: Medardo Rosso:lo scultore della luce
 
< Artisti e Opere 
 
   
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates