Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

Salvatore Sava
Surbo (LE) 1966 
salvatore sava, rifelssione barocca_musma

Riflessione barocca, 2006
ferro, cm 89 x 80 x 139
Donazione S. Sava, Surbo (LE)

salvatore sava, nativita 2008_musma

Natività, 2008
pietra leccese, di trani, soleto
cm 23 x 22 x 10

Donazione
S. Sava, Surbo (LE)

salvatore sava, albero di natale 2012_musma

Albero di Natale, 2012
ferro, acciaio inox, pietra leccese
cm 238 x 78

Donazione S. Sava, Surbo (LE)

sava_musma  Salvatore Sava è nato il 13 giugno 1966 a Surbo (Le), dove vive e lavora. Si è diplomato presso il Liceo Artistico di Lecce; l’Istituto d’Arte di Roma e quindi in Pittura nell’Accademia di Belle Arti di Lecce, dove insegna dal 1990, prima Tecniche dell’Incisione, poi Anatomia Artistica ed attualmente Scultura. Dal 1983 espone regolarmente le sue opere in prestigiose mostre collettive e personali ed è presente in collezioni pubbliche e private. Nel 2005 partecipa alla XIV Quadriennale d’ Arte di Roma, presso la Galleria Nazionale di Arte Moderna. Nel 2006 vince il Premio Internazionale di Scultura Terzo Millennio, presso Terra Moretti a Erbusco (BS), nel 2008 vince il Premio Mastroianni, nell’ambito della sesta Biennale Internazionale di Scultura della Regione Piemonte, a Torino, nel 2010 da aprile a giugno espone al Castello Sforzesco di Milano oltre cinquanta sculture nell’ambito della grande mostra dedicata a Gualtiero Marchesi.
Sempre nel 2010 è invitato da Luciano Caramel, alla XIV Biennale d’Arte Sacra Contemporanea, presso il Santuario di San Gabriele – Isola del Gran Sasso (TE), Museo Stauròs d’Arte Sacra Contemporanea. Nel 2011, Espone nel Duomo di Orvieto un grande presepe in pietra ed una serie di disegni, a cura di Giuseppe Appella; E’ invitato al premio Internazionale Lìmen Arte (Vibo Valentia), a cura di Giorgio Di Genova, partecipa alla 54ª Biennale di Venezia, a cura di Vittorio Sgarbi. Sin dagli esordi artistici Salvatore Sava ha palesato il carattere pregnante la sua poetica: lo stretto dialogo tra i valori dell'ambiente, i suoi benefici essenziali per l'uomo e le manipolazioni artistiche in cui focalizza aspetti della natura, che gli è familiare per appartenenza al mondo contadino, che mai ha abbandonato o rinnegato pur dedicandosi all'arte e al suo insegnamento. Per questo suo radicamento il modus operandi di Sava all'interno del sistema dell'arte è riuscito a mantenere, nel corso degli anni, autentica e integra la sua cifra stilistica, percorrendo fino in fondo, nell’utilizzo dei materiali scelti, nei media e nei temi affrontati, l'opzione che la natura nella sua varietà infinita fosse alla base di ogni sua opera. La sua esperienza estetica e non di meno affettiva si sostanzia, dunque, nel rapporto stretto con la civiltà contadina e il suo operare, esemplificando la peculiare vicenda quotidiana attraverso elaborazioni in cui emergono fortemente la terra, i suoi frutti millenari, il lavoro faticoso e costante, paragonabile a quello dello scultore. In tal senso non mancano i precedenti, per lo più nell'alveo del concettuale, la land art o la earth art dove tuttavia i gesti e le azioni erano tese a modificare la natura. All'opposto, in ogni creazione Salvatore Sava rivendica il proprio legame e al contempo fa suoi gli statuti propri dell'arte con opere a cui conferisce equilibrio, struttura formale, ritmo e, nelle larghe stesure di colore e nei solchi incisi, quella luce che è tutta mediterranea.
< Artisti e Opere  
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates