Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

PIANO SUPERIORE    
  piano superiore piantina musma                                                                                                          Il piano superiore
 Piano inferiore
Sala 1
piano terra bn  
Sala 2
Sala 3
Sala 4
Sala 5
Sala 6
Sala 7
Sala 8
Sala 9
Sala 10 
                           
SALA 7
Questa piccola ed elegante saletta, impreziosita dalla pittoresca volta, è stata riservata alle donazioni Gramiccia-Giannini, Mario Graziani dell’Archvio Afro e Sonia Stangelj, tutt’e tre legati alla memoria di Mirko. 
01. sala 7

Valeria Gramiccia (Roma 1943) è una sensibile artista e collezionista instradata alla pittura e alla scultura da maestri quali Mirko, Afro e Consagra. “Il primo contatto con la scultura - racconta - è stato da bambina con Mirko, amico di famiglia. Andavo nel suo studio e pasticciavo con la creta”; da giovane è stata “ragazzo di bottega” di Afro e, in seguito, stretta collaboratrice di Consagra, lavorando al suo fianco proprio per la grande mostra del 1978 a Matera.

valeria gramiccia, bilico f, 2001_musma  Sue originali creazioni sono i Bilichi, “pittosculture” lignee, mobili nello spazio. I numerosissimi rapporti di amicizia con importanti pittori e scultori l’hanno portata, nel corso degli anni, a raccogliere significative testimonianze dell’arte contemporanea. Questa passione, condivisa con il marito Ivo Giannini, è ben documentata dalle opere esposte: interessantissime edizioni d’arte di André Bloc (Algeri, DZ, 1896 - Nuova Delhi, IND, 1966) con sei poemi di Pierre Guéénen, di Marino Marini (Pistoia, PT, 1901 - Forte dei Marmi, LU, 1980) con dodici poemi  di Egle Marini, editi rispettivamente da Arcay e Hofer a Parigi nel 1959 e dall’Atelier Crommelynck e Fequet & Baudier nel 1963, un olio e una tempera di Consagra, lavori, datati 1952-1979, Ettore Colla (Parma 1896 - Roma 1968) e Leoncillo (Spoleto, PG, 1915 - Roma 1968).
04. sala 7
Dominano la sala, il Totem in cemento, Il gioco in legno, la grande tecnica mista su carta intelata di Mirko Basaldella (Udine 1910 - Cambridge, USA, 1969). In ognuna di esse lo scultore friulano ha mostrato di trasfondere uguale impegno. I drammatici viluppi del cemento, tesi a ridurre in un astratto geroglifico di forme la tensione della materia, trovano nel legno motivi di felicità immaginativa in ritmi estremamente semplificati e sulla carta un commento quasi musicale all’irrazionalità del momento. Le tre opere partecipano ai volumi e allo spazio dell’architettura che le contiene.  
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates