Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

HOME arrow Le notizie arrow Comunicati Stampa arrow Festa della donna 2013 al MUSMA
festa della donna 2013 al musma           
          LA FESTA DELLA DONNA 2013 AL MUSMA

Mostre e approdonfimenti per celebrare la giornata internazionale dedicata alle donne con ingresso ridotto


8 marzo 2013
Apertura: ore 10-14 / 16-20


Comunicato stampa Festa della donna 2013 al MUSMA
                                                                                                   

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Tutte le donne che si recheranno al MUSMA potranno usufruire dell’ ingresso ridotto per visitare l’intera collezione e le tre mostre in corso. Inoltre, per coloro che giungeranno a Palazzo Pomarici insieme a un uomo, il MUSMA offrirà all’accompagnatore l’ingresso gratuito.
8 marzo, ore 10-14/16-20

  
  
               
La festa della donna capita quest’ anno in concomitanza di due mostre dedicate a due donne, l’artista siciliana Carla Accardi e la storica dell’arte americana Ellen Russotto. Attraverso il percorso espositivo i visitatori avranno così la possibilità di conoscere due importanti protagoniste dell’arte del Novecento, e di apprendere notizie su amicizie, sodalizi e collaborazioni che animavano la temperie artistica del secolo scorso.
 
mostra di carla accardi al musma
La mostra “Carla Accardi. Sculture, ceramiche, disegni, opere grafiche, immagini e documenti dal 1946 al 2012”, allestita nella Sala della Caccia del Museo, mette in luce il lavoro e la vitalità creativa di Carla Accardi, unica donna del Gruppo Forma 1.
Tra le amicizie della Accardi c’è quella con la storica dell’arte e critico militante Carla Lonzi.
Nel 1968 Carla Accardi è infatti presente, unica artista donna, nel libro Autoritratto di Carla Lonzi, con la quale instaura una collaborazione che la porterà alla militanza femminista.
Nel luglio del 1970 la Accardi, la Lonzi ed Elvira Banotti redigono il Manifesto di rivolta Femminile, in cui sono contenute affermazioni di grande attualità con una evidente presa di coscienza della parità dei sessi. 
carla lonzi alla chiusura della mostra di consagra a matera. 1978  Nel testo si leggono frasi come “Il divorzio è un innesto di matrimoni da cui l’istituzione esce rafforzata” e “La parità di retribuzione è un nostro diritto, ma la nostra oppressione è un’altra cosa. Ci basta la parità salariale quando abbiamo già sulle spalle ore di lavoro domestico?”.
Un sodalizio intellettuale, quello tra le due artiste, che ha dato l’avvio a molti dei temi fondamentali della rivolta femminista.

Carla Lonzi, per anni compagna di vita dello scultore Pietro Consagra, diventerà una figura fondamentale del femminismo italiano, con gli scritti Sputiamo su Hegel del 1970 e La donna clitoridea e la donna vaginale del 1971.
Tale è l’attualità del suo pensiero che nel 2010 le sue opere sono stati riproposte dalla casa editrice et al. in una nuova edizione, in tutto fedele a quella originale.







mostra ellen russotto
Nella seconda mostra, “Il MUSMA ricorda Ellen Russotto” si ripercorre la vita della storica dell’arte americana, con fotografie, libri, immagini, documenti, sculture e attraverso disegni e opere grafiche degli artisti della Scuola di New York a cui Ellen ha dedicato libri per editori come Abrams, e allestito mostre in gallerie e musei di Segovia, Madrid, New York, Valencia, Venezia, Pietrasanta, Matera.
Legata alla figura di Ellen Russotto, per collaborazioni e comuni frequentazioni, è un’altra donna fondamentale per la divulgazione dell’arte contemporanea, la scrittrice, traduttrice e critico d’arte Gabriella Drudi, fra i primissimi a capire fino in fondo non soltanto la pittura dei maestri dell'espressionismo astratto, ma anche la scrittura di Beckett.
 gabriella drudi e alberto burri Della poetessa-pittrice, moglie di Toti Scialoja, si possono ricordare, tra gli altri, due fondamentali saggi critici su Willem De Kooning (1972) e Robert Motherwell (1984), il romanzo-poema Beatrice C. (1979), la raccolta di racconti Non era vero (1993) e il racconto Isabella Morra (1991). La divulgazione del pensiero di H.Rosenberg in Italia si deve proprio a lei, che aveva tradotto per Bompiani L’oggetto ansioso.

Ai visitatori verranno distribuiti brani tratti dalle opere di Carla Lonzi e di Gabriella Drudi, che daranno la possibilità di completare il quadro storico di riferimento in cui hanno operato quattro tra le donne che animarono, con grande energia e dinamismo, il clima culturale del secondo Novecento.
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates