Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

HOME arrow Le notizie arrow Comunicati Stampa arrow La Via Crucis di Graziano Pompili al MUSMA
stazione i           
         

LA VIA CRUCIS DI GRAZIANO POMPILI AL MUSMA

26 marzo - 19 aprile 2013
                                                                 

Comunicato stampa Al MUSMA la Sacra rappresentazione della Via Crucis con i bassorilievi di Graziano Pompili_26 marzo 2013

In occasione delle festività pasquali, infine, il MUSMA anticipa l’orario di apertura pomeridiano, dalle ore 16 alle 20, che entrerà in vigore sabato 30 marzo 2013. I MUSMA sarà, dunque, aperto il giorno di Pasqua e il Lunedì dell’Angelo nei seguenti orari: ore 10-14 / 16-20.  

Al MUSMA, la Via Crucis presieduta da Don Vincenzo Di Lecce, Parroco della Cattedrale di Matera, seguendo, negli ipogei del Museo, un percorso segnato dai 14 bassorilievi in terracotta dipinta che compongono la Sacra Rappresentazione dello scultore Graziano Pompili.
26 marzo - 19 aprile 2013

  
  
               
stazione, vi
L'insolita ambientazione della celebrazione di una funzione sacra, in un Museo di Scultura Contemporanea, è proposta nell’intento di dare all’arte e alla cultura un ampio respiro, evidenziando, in questo caso, come la profonda intensità dei riti della Settimana Santa riguardi strettamente l’uomo in una delle sue più alte e precipue realizzazioni, quella artistica, considerando anche che i Sassi di Matera e gli ipogei di Palazzo Pomarici, sede del MUSMA, sono una scenografia privilegiata per la suggestiva potenza drammatica dei riti quaresimali.
I quattordici bassorilievi di Graziano Pompili hanno per protagoniste figure stilizzate senza testa, simili a manichini rotti, mossi da una forza misteriosa e chiamati a incarnare una tragedia dove il rosso del sangue rivela la terribile sofferenza della Passione di Cristo. 
stazione x
In quasi tutte le formelle, infatti, la porpora spicca sul bianco dei corpi e sul nero delle ombre e della croce. Una testa compare solo nella stazione VI e occupa tutta la superficie della formella: è il contorno della testa di Cristo allusione alla Sindone, il telo di lino con cui la Veronica asciugò il volto insanguinato di Gesù, come se la compassione della donna restituisse una dignità e quindi un volto all’Uomo offeso. Nella drammatica sequenza, quasi si trattasse di fotogrammi di un film muto, si assiste ad un pathos crescente che si conclude in una sorta di compostezza, di equilibrio sintattico; solo nell'ultimo fotogramma, infatti, la figura del corpo di Cristo acefalo, disteso nel sepolcro, appare completamente bianca, come se avesse ritrovato la pace dopo il cruento martirio. 
stazione xii
«Nel concepirla - dice l’artista parlando della sua opera - mi sono basato sull’arte sacra antica ma anche del ’900, con particolare riferimento alle deposizioni medioevali lignee. Si possono notare figure secche e rigide con colori forti e decisi dove il gioco del rosso si staglia a volte con violenza facendo anche pensare ad un’inquietante atmosfera metropolitana. La mia idea di base è quella di una sacra rappresentazione con una decisa componente teatrale. Mentre procedevo nel lavoro ho riflettuto su questa parte di Vangelo già scritto dai profeti, per cui Gesù non può esimersi dal procedere fino in fondo. È questo il motivo per cui sembrano figure recitanti, anzi corpi recitanti perché sono senza testa». È forte, dunque, il carattere teatrale di queste formelle, un omaggio ad un genere che il poliedrico scultore, nato a Fiume ma residente da molti anni in Emilia, ama molto. Nel corso della sua carriera si è infatti occupato della scenografia de Il milione e Stazioni di transito di e con Marco Paolini, ha lavorato con Egisto Marcucci all’Orlando Furioso e inoltre a Per colui che è con il Teatro Gioco Vita. 
stazione xiii
Pompili ha realizzato la sua Via Crucis nel 2003, in occasione della mostra Nove artisti sulla via del Sole, e l’ha inoltre esposta tre anni fa, dopo Reggio Emilia (Palazzo Magnani, 2007) e Lubecca (Cattedrale di St. Peter, 2008), nella bellissima Cappella dell’Università del Sacro Cuore di Milano eretta dall’architetto G. Muzio nel 1931-1932. Le 14 stazioni aderiscono allo schema tradizionale ma, pur seguendo la pagina evangelica, interpretano ciò che Luciano Manicardi, Monaco della Comunità di Bose, ha chiamato mutezza della violenza nelle varie fasi del cammino di Gesù verso il Calvario, violenza presente “nei corpi di Gesù e di chi lo incontra, in chi la esercita, in chi la subisce, in chi vi assiste”. Accanto alle 14 formelle verranno esposti 14 disegni del 2005 che testimoniano quanto l’artista-pellegrino continui a “camminare”, a meditare su questo tema, e rivolga ai credenti l’invito a “prendere la propria croce e seguire Gesù”.
Dopo le celebrazioni del 26 marzo, la Via Crucis di Graziano Pompili, resterà esposta al MUSMA fino al 19 aprile 2013.
 
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates