Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

HOME arrow Le notizie arrow Comunicati Stampa arrow Sfogliamo insieme i libri di Maria Lai
maria pietra (libro di fiabe), 1992
          
          SFOGLIAMO INSIEME
I LIBRI DI MARIA LAI


“Sono felice di farvi tenere per mano il sole e farvi gustare il desiderio di cielo, in un momento di incertezza globale, ma che il sole e il cielo possano farci prima capire e poi superare. Per vivere più sereni”, scriveva Maria Lai a proposito della fiaba cucita Tenendo per mano il sole.  


CS_Sfogliamo insieme i libri di Maria Lai

                                               

Ad un anno di distanza dalla scomparsa di Maria Lai, e in concomitanza con la mostra esposta al MUSMA, un'intera giornata per "tenere per mano" i prezioni libri cuciti e leggere le favole composte da collages di stoffa e ricami a macchina.
16 aprile 2014
ore 10 -14 / 16-20

  
  
               
   
maria lai.libro scalpo nero, 2011
Per Maria Lai l’opera d’arte è strettamente legata a chi la guarda, il ruolo dell’artista è di “essere un realista che usa i suoi sogni per costruire forme concrete” e per comunicare in un linguaggio universale, aperto a tutti. È così che nascono i libri cuciti, l’ago della macchina da cucire disegna sulla stoffa scritture immaginarie, ricama velluto e cotone a comporre narrazioni colorate per tentare di spiegare l’arte e il mondo. In una delle tante mostre dedicate ai suoi libri, Maria Lai li appoggiò insieme su un tavolo sotto vetro, senza data e nome dell’autore, chiamandoli tutti Babele, come la torre, per dare l’idea di una grande opera collettiva, che andasse oltre la vita dell’artista.
 
Quando si sfogliano il Libro scalpo, il Libro delle Formiche rosse e il Libro di Maria Pietra, i fili ingarbugliano le pagine e le pagine non si aprono mai del tutto, ma pare che racchiudano segreti, tanto che i fili che da esse escono pare vogliano suggerire di proseguire la narrazione, di continuare a rammendare l’ansia d’infinito dell’uomo.

Toccare le stoffe delle opere di Maria Lai significa entrare in contatto con il tempo del lavoro necessario a costruire la bellezza che li forma, il tempo della sapienza e della cura artigiana unite all’estro dell’artista che disegna la realtà per darle un ordine e per mostrare, attraverso fili che scorrono in spartiti dalle tante letture possibili, quanto la comunicazione possa essere fragile.

Fin dagli anni ‘40, il filo ha attraversato il lavoro di Maria Lai che si sentiva come “un insetto piccolo piccolo, gran cacciatore di nulla che vuol legare con filo gli spazi vuoti di quel nulla per tessere immagini ideali di mondi invisibili”, ricucire gli spazi e gli abissi di incomunicabilità dell’uomo contemporaneo, il filo del dialogo e della memoria, del passaggio dall’oralità alla scrittura.
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates