Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

HOME arrow Le notizie arrow Comunicati Stampa arrow Nonmatching. In-congruenze. Francesco Dillon e Claudio Rocchetti in concerto
dillon_rocchetti_21 agosto 2015_musma                

DAL SEGNO AL SUONO. DAL SUONO AL SEGNO
Rassegna di sound-art e repertori contemporanei del MUSMA

CS_Francesco Dillon e Claudio Rocchetti in concerto al MUSMA

Foto del concerto                 

Foto del concerto di Mariagrazia Lomonaco                                                            

Per il secondo e ultimo concerto della rassegna del MUSMA "Dal segno al suono", gli spazi di Palazzo Pomarici saranno lo scenario del set live audio-video di Francesco Dillon e Claudio Rocchetti, che si esibiranno prima come solisti e poi co-improvvisando. 
21  agosto 2015 ore 21.00

                 
Dopo “Images et suggestions”, che ha visto esibirsi, mercoledì 19 agosto, Claudio Pasceri nel concerto per violoncello solo che ha dato avvio al MUSMA alla V edizione della rassegna “Dal segno al suono. Dal suono al segno”, si prosegue venerdì 21 agosto dalle 21 con “Nonmatching. In-congruenze”. Protagonisti saranno questa volta un altro violoncello, quello di Francesco Dillon e le sperimentazioni sonore e visive di Claudio Rocchetti.
01. francesco dillon_musma È un duplice Match, dunque, uno in differita, uno in tempo reale, a marchiare a fuoco questa edizione della rassegna. Un violoncello può, infatti, interagire con un altro violoncello, attraverso un Match, come quello scritto nel 1966, per due violoncelli e percussioni, dal compositore argentino, ma tedesco d’adozione, Mauricio Kagel (1966), o può farlo con strumenti e sonorità completamente altre. In questo caso il match che sembra meglio rappresentare l’evento del 21 agosto è quello del quadro Stag Night at Sharkey's (1909) del pittore statunitense George Bellows o l’incontro di boxe tanto atteso, tanto immaginato, prefigurato ne La parte di Fate, terzo libro del labirintico romanzo di Roberto Bolaño, 2666.  
02. francesco dillon_musma
Già nel cartellone della prima edizione della rassegna (2010), Francesco Dillon, dopo i numerosi premi e riconoscimenti e le recenti incisioni con etichette come SONY, ECM, KAIROS e MODE, torna negli spazi del Museo con la sua consueta padronanza dello strumento e di un repertorio che spazia dal Seicento di Domenico Gabrielli e Francesco Paolo Scipriani, alle frontiere ultime, in ordine di tempo, della pagina per violoncello solo (l’argentino Osvaldo Golijov e la giovane Anna Clyne, compositrice sulla quale Riccardo Muti ha di recente speso parole di grande ammirazione). La Suite n. 3 op. 87 di Benjamin Britten, scritta per Mstislav Rostropovich spicca in un programma di estremo fascino.                                                                                      
01. claudio rocchetti_musma  Sperimentazioni sonore e visive sono invece i campi d’azione di Claudio Rocchetti, audace e poliedrico musicista che, residente ormai da anni a Berlino, propone un lavoro di ricerca sul suono come elemento non solo emotivo e compositivo ma anche materico, grazie alla pletora di strumenti analogici ed elettronici che manipola con un atteggiamento quasi teatrale. Rocchetti, che sta lavorando a un nuovo album, annovera tra i suoi ultimi lavori una collaborazione con Atelier Impopulaire (Pia Bolognesi e Giulio Bursi): insieme hanno dato forma al meraviglioso saggio di videoart Embodies, prodotto, in collaborazione con Withstand Film, da Dries Van Noten, membro del gruppo degli “Antwerp Six”, uno degli stilisti più geniali e cerebrali in circolazione secondo The New York Times.
02. claudio rocchetti_musma
Davide Luciani sound & multimedia artist con sede a Berlino ha invece realizzato Almost became invisible and slowly disappear, un video pensato proprio per la performance di Claudio Rocchetti al MUSMA che sarà proiettato in anteprima mondiale al Museo di Scultura Contemporanea della città dei Sassi. Il video, ispirato dall'ultimo lavoro musicale di Rocchetti, l'audiovisuale, si affida principalmente alla forma del film astratto. La manipolazione analogico/digitale impiega l'utilizzo di pellicole 8mm, manipolazione di vhs e postproduzione video digitale.
 
03. dillon_rocchetti_musma
L’improvvisazione elettro-acustica dei due protagonisti chiuderà la rassegna del MUSMA, che negli anni si è imposta all’attenzione del pubblico per la qualità del suo palinsesto: a esibirsi musicisti del calibro di Fabio Orsi, Lorenzo Senni, Attila Faravelli, Nicola Ratti, MG_Inc, Enrico Malatesta, Luciano Maggiore, Roberto Paci Dalò, Andrea Felli e DADUB; artisti visivi e fotografi (Leonardo Sonnoli e Roberto Masotti) hanno documentato o esposto le loro opere; Rai Radio 3 ha supportato e sostenuto la rassegna, trasmettendo su Battiti la registrazione della II e III edizione, e dedicando uno speciale su Radio 3 Suite alla III e IV edizione.  
Nata nel 2010 per gli spazi del MUSMA con la direzione artistica di Vincenzo Santarcangelo, la rassegna, giunta alla sua V edizione, porta avanti il suo intento di far assistere a una nuova forma di arte in cui l’immaterialità della musica diviene materia tra le opere d’arte, in un originale spazio espositivo, quello degli ipogei del MUSMA, dove i ritmi, i silenzi, le frequenze, in una parola il suono della musica, si fa segno davanti all’ascoltatore stimolandone i sensi.

PROGRAMMA


Prima parte

FRANCESCO DILLON violoncello solo (acustico)

Domenico Gabrielli (1651 - 1690) Ricercare n. 7
Osvaldo Golijov (1960) Omaramor, 1991
Francesco Paolo Scipriani (1678 - 1754) Tre Toccate
Benjamin Britten (1913 - 1976) Suite n. 3 op. 87, 1971

Seconda parte

CLAUDIO ROCCHETTI set audio - video

Embodies. Atelier Impopulaire, 2015
Video: Pia Bolognesi e Giulio Bursi
Realizzato con frame video prelevati dalla Collezione Estate Donna 2015 dello stilista belga Dries Van Noton
Video HD a colorori, suono.
Durata 8’30’’.
Prodotto da Dries Van Noten e Atelier Impopulaire in collaborazione con Whithstand Film
Effetti digitali: Elena Petitti di Roreto
Musiche: Claudio Rocchetti

Almost became invisible and slowly disappear, 2015
In anteprima assoluta
Video: Davide Luciani
Musiche: Claudio Rocchetti

FRANCESCO DILLON violoncello solo (amplificato)
Anna Clyne (1980) Fits + stars, 2003

CLAUDIO ROCCHETTI Live set audio

Terza parte

DILLON - ROCCHETTI Non-Matching, Incongruence
set improvvisato per violoncello amplificato ed elettronic
a
   
dillon 01 Francesco Dillon ha studiato a Firenze con Andrea Nannoni, perfezionandosi in seguito con A. Baldovino, M. Brunello e D. Geringas, e seguendo masterclasses di M. Rostropovich, A. Bijlsma, M. Perenyi. È stato allievo per la composizione di S. Sciarrino. A un' intensa attività solistica (con l'Orchestra nazionale della RAI, l'Orchestra Haydn di Bolzano, l'Orchestra sinfonica siciliana, Orchestra dei Pomeriggi musicali, Orchestra filarmonica marchigiana; recentissimo è il suo acclamato debutto alla Biennale di Münich con l'Orchestra della radio di Vienna (ORF)) affianca quella di quartettista con il Quartetto Prometeo, vincitore di numerosi premi internazionali (Prague Spring, dove ha conseguito il primo premio assoluto; ARD Münich, Bordeaux). l suo profondo interesse per la contemporaneità lo ha portato a collaborare strettamente con i più importanti compositori di oggi quali: G. Bryars, P. Glass, V. Globokar, S. Gubaidulina, J. Harvey, T. Hosokawa, G. Kancheli, A. Knaifel, H. Lachenmann, B. Lang, D. Lang, A. Lucier, A. Pärt, H. Pouesseur, S. Reich, F. Romitelli, K.Saariaho, S. Sciarrino, J. Zorn.
Con l'ensemble Alter Ego, di cui fa parte stabilmente, e come solista viene regolarmente invitato nei maggiori festivals di musica contemporanea del mondo. Si è esibito in complessi di musica da camera con partners quali I. Arditti, G. Carmignola, P. Farulli, D. Geringas, V. Hagen, A. Lonquich, E. Pace, R. Schmidt, S. Scodanibbio. Le sue esecuzioni sono trasmesse da varie emittenti come BBC, RAI, ARD, Radio France, ORF, ABC, fra le altre. Ha inciso per etichette quali ECM, Sony, Ricordi, Kairos, Touch, Stradivarius, Aulos, Dynamic e Touch. Le sue ultime registrazioni come solista sono la prima incisione, rispettivamente, delle Variazioni di S. Sciarrino (premiata col Diapason d'or) e della Ballata di G. Scelsi, ambedue con l'orchestra della RAI; in duo con il pianista Emanuele Torquati un doppio cd di rarità schumanniane e l'integrale delle opere per violoncello di F. Liszt per la Brilliant Classics. Ha insegnato per molti anni alla Scuola di musica di Fiesole e tenuto masterclasses in istituzioni quali Conservatorio Cajkovskij di Mosca, Pacific University (California), Untref-Buenos Aires, Manchester University. Dal 2010 è il direttore artistico della stagione di musica contemporanea "Music@villaromana" a Firenze. www.francescodillon.com
rocchetti 02
Claudio Rocchetti è un musicista e sound artist di base a Berlino. Dopo la frequentazione dello scenario hardcore straight-edge si avvicina al mondo dell’elettronica e della sperimentazione. È attivo sia come musicista solista, che nelle formazioni In Zaire, 3/4HadBeenEliminated (con Stefano Pilia e Valerio Tricoli) e nel progetto di improvvisazione audio-visiva dal vivo Olyvetty con il videoartista Riccardo Benassi. Claudio Rocchetti decostruisce il djing, lo smaterializza, riparte dalle fondamenta (giradischi modificati, radio, mixer, audiocassette) per costruire elaborate e sognanti architetture sonore, narrazioni in musica, cronache di riappropriazione di spazi troppo a lungo negati alla presenza dell’uomo. Nella musica di Rocchetti il filo della memoria si intreccia a quello dell’abbandono; echi e riverberi di case abbandonate, stazioni chiuse, spazi dove la natura si fa largo tra il cemento risuonano nei suoi field recordings accompagnati dalle oscillazioni di microfrequenze simili a quelle di una testina che salta. claudiorocchetti.bandcamp.com  
Il video di Davide Luciani, "Almost became invisible and slowly disappear" (2015), è in anteprima assoluta al MUSMA.

Davide Luciani è
un sound & multimedia artist con sede a Berlino. Il suo lavoro include installazioni audio/video, musica elettroacustica, grafica e live performance caratterizzate da una continua ricerca tra organico ed astrattismo psichedelico. Nel corso degli anni ha collaborato come sound/video artist con artisti quali Grün, Nicholas Jaar, Kode9, The Soft Moon, Paola Anziche, Jorge Quintela, Paolo Buatti. Le sue performance e lavori sono stati ospitati in festival di taratura internazionale come CTM Festival, Berlin Atonal, Strøm Festival, Torino Film Festival, Cannes ed presso il MamBo (IT), Zacheta National Gallery (PL), Museo Omero (IT), Museo Berardo (PT). Nel 2014 ha fondato Mote, studio di mixed media design. www.davideluciani.com

www.motestudio.net


Nonmatching. In-congruenze. Francesco Dillon e Claudio Rocchett in concerto
MUSMA Museo della Scultura Contemporanea Matera
Palazzo Pomarici - via San Giacomo (Sasso Caveoso)
21 agosto 2015 ore 21.00

biglietto 7€ - abbonamento 10€

tel. +39 3669357768 email: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


Comunicato stampa della rassegna qui
Locandina della rassegna qui

 

 
Patrocini
     
logomateratracc logo_iosostengomatera2019-1 logo conservatorio  
       
Sponsor      
logogattini_def
 logo gatta buia    
       
Media partner      
logo rario rai 3  logo sassilive
   
       
 Collaborazione tecnica
     
 logo labsonc2      
       
Organizzazione
     
logo synchronosp zetema    
       
Per conoscere le precedenti edizioni della rassegna clicca qui  
 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates