Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

L'intervista del MUSMA a Emilio Isgrò. Video

     
PIANO INFERIORE
   
     
piano terra piantina musma
                                                                                     
Il piano inferiore
Piano superiore 
Cortile 1
piano superiore bn
Sale della caccia
Biblioteca Vanni Scheiwiller  
Ipogeo 1
Ipogeo 2
Ipogeo 3
Cortile 2
Ipogeo 4
Ipogeo 5
Sala della grafica
Sala della ceramica
Cortile 3
Ipogeo 6
Ipogeo 7
 
IPOGEO 5
L’allestimento dell’ipogeo più grande di Palazzo Pomarici, e degli altri che seguiranno, ci dà l’opportunità di approfondire l’itinerario storico-culturale fino a questo momento costruito: il confronto generazionale e il rapporto tra scultura e spazio, variabile a seconda degli ambienti in cui le opere sono state collocate.
01.ipogeo 5
Gli ipogei, infatti, sono diversi l’uno dall’altro e alcuni, come questo, sembrano scendere nel cuore di Matera, lì dove arde, visibile dall’ingresso, il Focolare in terracotta di Nanni Valentini (Sant’Angelo in Vado, PU, 1932 - Vimercate, MB, 1985).
Ciò che Valentini chiamava il rimbalzo continuo fra la pittura e la ceramica, tra l’apparenza e la certezza, tra il visibile e il tattile, ovvero i fondamenti del linguaggio, qui si coagulano in un sentimento di attesa dell’invisibile che fa tutt’uno degli elementi di continuità venuti fuori tra un ipogeo e l’altro.
Ritroviamo, intanto, un esponente della Scuola di New York, Wilfrid Zogbaum 
02.ipogeo 5
(Newport, GB, 1915 - New York, USA, 1976), con la sua Endeavour Shoal, opera del 1964;una personalità di spicco della storia dell’astrattismo italiano (l’ “Art Club” di Enrico Prampolini) come Michelangelo Conte (Roma 1913 - 1996) e di suo figlio Bruno Conte (Roma 1939); un maestro ingiustamente dimenticato come Enrico Accatino (Genova 1920 - Roma 2007), in due momenti della propria ricerca tridimensionale basata sulla “circolarità”: cerchi, dischi, mandala declinati attraverso Opposizione e sintonia (1971) ma senza mai abbandonare alla corrente Il remo dell’anima (1990). 
06.ipogeo 5
Il rappresentante più illustre della scultura peruviana contemporanea, cresciuta a contatto con quella europea: Joaquin Roca-Rey (Lima, PE, 1923 - Roma 2004) la cui indagine formale, tra mito e ritualità, ha saputo cogliere il meglio del linguaggio moderno. In Amatotum, del 1974, liberatosi dell’involucro preincaico di magia e ritualità attraverso il confronto con Roma antica e Roma seicentesca, il totem viene elevato a simbolo dell’identità tra uomo e cosmo; le forme nitide di Lydia Silvestri (Chiuro di Sondrio, 1929), già a Matera con Andrea Cascella, e la sua misteriosa ambigua sensualità. 
07. ipogeo 5 I tre bronzi di Giuseppe Pirozzi (Casalnuovo di Napoli, 1934) che nell’elaborazione del barocco trovano La ragione di un sogno; l’astronave di Luisa Valentini (Torino 1954), apparentemente abbandonata sul bordo della vasca eppure carica di energia pronta ad esplodere; ancora due testimonianze di Cloty Ricciardi (Roma 1939) e Lucilla Catania (Roma 1954), già incontrate all’inizio del nostro percorso. Infine, Paolo Radi (Roma 1966) e Antonella Zazzera (Todi, PG, 1976), delle generazioni più vicine, entrambi portati ad indagare nelle materie (fili di rame, pellicole in silicone, plex satinato) per un linguaggio teso verso forme minimali ma non
05.ipogeo 5 prive di armoniche potenzialità narrative.Prima di affrontare le scale per uscire, sulla destra, in un piccolo pozzo, i Fiori di plastica, severi e semplici, di Guido Strazza (Santa Fiora, GR, 1922), del 1966, rendono evidente la crisi ormai avvenuta nella situazione artistica italiana, lontana dalle fonti culturali più facilmente indicabili (Gonzales, David Smith, Colla, Cruz Diez) e perfettamente inserita nel lavoro sperimentale sul segno portato avanti in Calcografia tra il 1964 e il 1966 attraverso immagini stampate su carta, doppiate e trasferite su schermi mobili trasparenti di materia plastica (capolimero, clorulo, acetato di vinile).
04.ipogeo 5 Scrive Strazza: “Facendo sculture, non ho fatto altro che far segni come in realtà faccio e ho sempre fatto; e posso dirlo se penso al segnare come risposta al richiamo di un fulmineo riconoscere qualcosa che nessuno prima aveva visto, non c’era, e d’improvviso c’è, si fa presenza assoluta e luminosa”.  

 

 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates