Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

HOME
     
PIANO INFERIORE
   
     
piano terra piantina musma
                                                                                     
Il piano inferiore
Piano superiore 
Cortile 1
piano superiore bn
Sale della caccia
Biblioteca Vanni Scheiwiller  
Ipogeo 1
Ipogeo 2
Ipogeo 3
Cortile 2
Ipogeo 4
Ipogeo 5
Sala della grafica
Sala della ceramica
Cortile 3
Ipogeo 6
Ipogeo 7
 
CORTILE 1
4
Come per il portone, anche per gli ingressi agli ipogei è stato chiesto l’intervento di un artista. La progettazione dei cancelli è stata quindi affidata alla creatività di Pasquale Santoro, scultore di origine lucana (nato a Ferrandina, MT, nel 1933, vive a Roma da molti anni) che li ha realizzati con la collaborazione di esperte maestranze locali. I cancelli-scultura sono dedicati alla figlia scomparsa, Sarah, e a due punti di riferimento del proprio lavoro: Giacomo Balla e Antonello da Messina. Sempre di Santoro, sul muro a sinistra, possiamo ammirare Tramonto a Metaponto. L’opera, eseguita nel 1986, mediante sottili piastre di metallo slanciate nello spazio, mantiene intatta la classicità tutta mediterranea del fregio frontale e del bassorilievo stagliato in controluce sulla parete di tufo.
2 Si è voluto riservare questa prima area espositiva del museo agli artisti di provenienza lucana e pugliese ed ecco, allora, la presenza della Biforma di Aldo Calò (San Cesario di Lecce 1910 - Roma 1983), scultore salentino per anni direttore dell’Istituto d’Arte di Roma e dell’Istituto Internazionale del Design. La cultura d’origine - architetture e decorazioni del barocco salentino - viene coniugata da Calò con la pienezza dei volumi cari a Martini e Marino e messa a confronto con il rapporto tra forme e spazio, tipico di Brancusi e Arp, di Zadkine e Moore. Come afferma lo stesso Calò, le “Biforme” sono costituite da tre elementi: uno statico, determinato dal marmo, dalla pietra o dal legno, ecc.; uno dinamico, sia nella forma che nella materia (ferro, bronzo, cristallo); l’altro, infine, realizzato con l’ausilio dei raggi del sole. Una volta collocata l’opera in uno spazio naturale, a seconda dell’inclinazione e dell’intensità dei raggi del sole, si ottengono visioni e forme diverse. Altre opere di Calò sono nel terzo cortile e nell’Ipogeo VI.
Sotto la scala che porta al piano superiore, il Cane fossile di Rocco Falciano (Potenza 1933 - Roma 2012), un peperino del 1963 sembra far da guardia, da tempo immemorabile, a Palazzo Pomarici e a tutte le case circostanti.
Al centro del cortile, una lastra di pietra di Apricena, di Francesco Arena (Torre Santa Susanna, BR, 1978), invita a leggere una parola (Matera) nei segni-traccia incisi a futura memoria di un luogo trasformato ma carico di significati e di domande.
falciano arena

In fondo, sulla sinistra, prima di entrare nell’Ipogeo I, in un piccolo ambiente scavato nel tufo, riposa il nudo coricato di Carlo Mattioli (Modena 1911 - Parma 1994), quasi avesse trovato lo spazio predestinato, e si erge la scultura astratta, con precise ascendenze cubiste, di Guido La Regina (Napoli 1909 - Roma 1995).
mattioli  6

Scendendo nel piccolo ambiente, in fondo, una ringhiera invita a sostare e a gettare lo sguardo su quella che era una carbonaia: qui,
Lucilla Catania (Roma 1954) e Clotilde Ricciardi (Roma 1939) nel 2008, in occasione della IV Giornata del Contemporaneo, utilizzando materiali comunemente in uso nel territorio materano (ferro e tufo), hanno realizzato due sculture (Punzone e Germogli ) che dialogano con lo spazio sottostante rinnovandone l’uso.
catania punzone  ricciardi germogli
   


 

 
  Progetto culturale   Patrocinio
  Il progetto di illuminazione a risparmio energetico
è stato realizzato con il sostegno di Eni
logo-zetetma

comune-matera 

lascaletta     

 

 

    logo-zetetma
 
Free Joomla Templates