Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

PIANO SUPERIORE    
  piano superiore piantina musma                                                                                                          Il piano superiore
 Piano inferiore
Sala 1
piano terra bn  
Sala 2
Sala 3
Sala 4
Sala 5
Sala 6
Sala 7
Sala 8
Sala 9
Sala 10 
                           
SALA 5
Spicca, entrando nella Sala 5 il segno aereo e fantastico di Idea di Ernesto Porcari (1998-1999) (Norma, LT, 1951) affiancato all’Idea (1964) di Edgardo Mannucci (Fabriano, AN, 1904 - Acervia, AN, 1986). La seconda guerra mondiale, in particolare lo scoppio della bomba di Hiroshima, segnò a tal punto l’animo di Mannucci da condizionare un linguaggio artistico che fino a qual momento si era mosso solo in ambito figurativo. L’artista, da quel momento scelse di infondere energia, movimento a grumi, scorie, detriti bruciati, chiaro riferimento alla catastrofe generata dall’ordigno nucleare: è così che nasce il ciclo di opere intitolato “Idea”. «Quando sono ritornato a casa, mi sono messo subito a lavorare, ho fatto un ritratto a mia moglie, un ritratto a mia figlia, ma tutto questo non mi diceva ormai più nulla, non era una “verità”» Pur molti anni più tardi, è sempre l’astrattismo a determinare la nascita di Idea di Porcari, in bilico tra equilibrio e crollo, tra il volersi ancorare alla materia e il volerla dissolvere.
 
 

Nella vetrina tre preziose, piccole, sculture appartenenti a tre corpi di donazioni diversi:

La Tuffatrice (1974) di Jorio Vivarelli (Fognano, PT, 1922 - Pistoia, 2008) donata da Maria Pia e Luigi Lambertini, Segno 4 (1964) di Guido Strazza (Santa Fiora, GR, 1922) donata dall'artista stesso e Bomboniera per Vanni e Alina (1980) di Fausto Melotti (Rovereto, TN, 1901 - Milano, 1986).
Celebre per le sue opere di grandi dimensioni collocate in diverse pari del mondo, Vivarelli si muove nel solco della tradizione cinquecentesca di  Giambologna, Ammannati e Cellini e novecentesca di Fazzini, Greco e Mascherini.


I rapporti di collaborazione di Fausto Melotti con la famiglia Scheiwiller risalgono agli anni Quaranta. Nel 1944 Giovanni Scheiwiller pubblicò, infatti, Il triste Minotauro, una raccolta di disegni e poesie dell’artista roveretano. Ed è dalla felice amicizia con il figlio Vanni, ideatore della collana “All’insegna del Pesce d’Oro” che nasce la Bomboniera per Vanni e Alina. Con un semplice gesto Melotti disegna la A di Alina, la V di Vanni e il pesce, simbolo de “All’insegna del Pesce d’Oro"
“Un gesto con cui percorro lo spazio in un istante”: è il segno, fedele compagno delle opere di Guido Strazza, che ha assorbito la lezione di Marinetti, Lucio Fontana, Piranesi per elaborare il suo personalissimo linguaggio, basato appunto sullo studio del segno e sulla sua interazione con lo spazio e con le reazioni dello spettatore.

Alle pareti Cavalli (1963) di Marino Marini (Pistoia, 1901 – Forte dei Marmi, LU, 1980) e il ritratto del maestro pistoiese immortalato dallo sguardo di Aurelio Amendola (Pistoia, 1938). “Non si sa neanche noi come nasce un’opera d’arte”- racconta Marino in un’intervista – “perché noi siamo come dei camaleonti, si prende, si prende, ci si ingravida delle cose che noi vediamo, possono essere cose reali, immaginative, di uno stile o di un altro, possono essere contatti umani, tutte queste cose che noi vediamo fanno ricchezza in noi e questa ricchezza esce a un certo momento”

Uscendo dalla sala, sulla sinistra, Relazione di dispersione, del fotografo Luca Centola (Matera, 1974) una sequenza fotografica realizzata nelle Saline di Margherita di Savoia: quattro scatti che rimandano all’idea di smaterializzazione e ri-materializzazione dell’energia umana e naturale.

   
   

 



 
    Progetto Culturale       Patrocinio  
    Fondazione Zetema       Comune di Matera Circolo La Scaletta
Free Joomla Templates