Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

Giovanni Gaggia per la XVI Giornata del Contemporaneo. Studio per Complex Apartment

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

HOME arrow Le notizie arrow Comunicati Stampa arrow L’ESPERIENZA DELLA IV GIORNATA DEL CONTEMPORANEO
L’ESPERIENZA DELLA IV GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

Si è conclusa positivamente la quarta edizione della GIORNATA DEL CONTEMPORANEO al MUSMA. Museo della scultura contemporanea. Matera.Oltre 150 i visitatori che, per tutta la giornata di sabato 4 ottobre, hanno riempito i cortili di Palazzo Pomarici, le sale e gli ipogei del Museo della Scultura Contemporanea dando vita ad un’evento straordinariamente suggestivo.  

Ad animare la giornata i tre artisti Clotilde Ricciardi, Lucilla Catania e Alberto Timossi che, invitati per l’occasione, hanno realizzato una scultura sistemandola negli spazi del MUSMA.
Realizzate con materiali locali, primo fra tutti il tufo, incastonate all’interno di un ipogeo, le opere di Cloti Ricciardi e di Lucilla Catania, sono, in sintonia con il luogo, con la città. Entrambe nascono dal tufo, in simbiosi con l’ambiente circostante.
Il lavoro della Ricciardi, spesso realizzato con materiali industriali, come l’alluminio e la resina, in dialogo con materiali poveri o con aria, acqua e vetro, introduce ad una visione segnata dal concetto di singolarità e differenza, di antico e nuovo. Partendo dal contrasto tra l’esilità di tracciati curvi in alluminio e la rigidità e la fissità del tufo, ha realizzato “Germogli” che sembrano effettivamente nascere dal muro dal quale si protendono.
Partendo da moduli geometrici regolari (quadrato e piramide, realizzati in tufo), che indirettamente rimandano al Costruttivismo, gli  elementi modellati da Lucilla Catania, si trasformano, da antichi simboli carichi di storia, in nuovi manufatti dalla natura ambigua e indefinita. Posizionata esternamente, ancorata alla parte superiore del secondo cortile di palazzo Pomarici, l’opera di Alberto Timossi, reduce dal grande successo della mostra “Parti del discorso” allestita a Roma, “Tra le Volte” di Piazza S. Giovanni, quindi in aperto dialogo con una delle più  antiche piazze di Roma, innesta un materiale industriale ed economico che permette di esaltarne la forma pura in un palazzo del XVII secolo. La struttura plastica, rossa, quindi dalla forte presenza, attraversa la sommità del cortile, penetra tra le pareti, rapportandosi con lo spazio sia interno che esterno.

Durante la creazione delle tre sculture, gli studenti del Liceo Artistico, del Liceo Classico e dell’Istituto Professionale Agrario di Matera, hanno incontrato e dialogato con gli artisti, seguendo il misterioso evolversi dell’opera. 
 
    Progetto Culturale       Patrocinio  
    Fondazione Zetema       Comune di Matera Circolo La Scaletta
Free Joomla Templates