Joomla extensions and Joomla templates by JoomlaShine.com

Video

The MUSMA in one minute. Video

Fernando Arrabal in visita al MUSMA. Video

Portami al Confine. Trailer

PIANO SUPERIORE    
  piano superiore piantina musma                                                                                                          Il piano superiore
 Piano inferiore
Sala 1
piano terra bn  
Sala 2
Sala 3
Sala 4
Sala 5
Sala 6
Sala 7
Sala 8
Sala 9
Sala 10 
                           
SALA 8
 
 
In questa piccola saletta ci accoglie uno dei lavori “lirici” di Gregorio Botta (Napoli, 1953): A che punto è la notte (2011). Le installazioni dell’artista romano sono spesso opere vive, attivate da meccanismi che mettono in movimento materiali primordiali, in questo caso ferro, vetro e acqua, racchiusi da forme essenziali.
Lo spettatore viene condotto in una dimensione contemplativa e rarefatta dell’esistenza. Inserire la forma plastica nello spazio senza mai rinunciare alla sua mobilità caratterizzano sia Scultura (1979) di Aldo Galli (Como, 1906 - Lugano, CH, 1981) che Per Alina e Vanni (1982) di Gianni Colombo (Milano, 1937 - 1993).


Aldo Galli figura tra i primi rappresentanti dell’astrattismo italiano: è, infatti, tra i membri del cosiddetto Gruppo Como, la cui ricerca, prendendo spunto dal geometrismo di Giuseppe Terragni, indaga il rapporto tra pittura non figurativa e architettura. È un astrattismo tendenzialmente bidimensionale quello di Galli, il quale sperimenta, negli anni, diverse tecniche, dall’olio all’acquarello, dall’encausto alla tempera fino al vetro, componendo opere in cui forme geometriche e prospettive ben calibrate si accendono di colori intensi e definiti.
L’astrattismo è il movimento d’esordio anche di Gianni Colombo, il quale, nel 1959, insieme a Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gabriele De Vecchi e Grazia Varisco, darà vita al Gruppo T. Fine del gruppo è quello di “abolire ogni frontiera statica tra pittura, scultura e architettura” e concentrarsi sulla tematica spazio-tempo nell’opera. La ricerca di Colombo si concentra, in particolare sul superamento della concezione classica di opera d’arte e sulla interazione della stessa con lo spettatore. Nascono così installazioni in cui l’artista crea giochi di luce attraverso plexiglas o forme e movimenti virtuali apparenti tramite strutture a movimento rapido o relazioni successive tra forme geometriche.
 
   
 
 
 
 
    Progetto Culturale       Patrocinio  
    Fondazione Zetema       Comune di Matera Circolo La Scaletta
Free Joomla Templates